La grandiosità dei monumenti di committenza imperiale non si rivela solo nel centro storico: sulla Casilina svetta ancora oggi l'enorme mausoleo di Elena. La visita comprende anche le catacombe dei Santi Marcellino e Pietro, tra le più belle di Roma per affreschi e decorazioni. Per partecipare alla visita è necessario presentarsi muniti di mascherina. Il tour sarà effettuato con mantenendo la distanza di sicurezza di 1 metro.

Non abbiamo in calendario una visita per questo sito Contattaci per concordare una visita privata
Costo: € 9,00
Costo biglietto: € 11,00
Durata: 1,15 H

Maggiori informazioni

 

 

N.B. Per partecipare alla visita è necessario presentarsi muniti di mascherina. Il tour sarà effettuato mantenendo la distanza di sicurezza di 1 metro tra i partecipanti, secondo le norme vigenti. Si avvisano i partecipanti che, per motivi di sicurezza, nominativi e recapiti saranno trattenuti dall'Associazione per il mese successivo allo svolgersi dell'attività. 

 

Spesso, pensando alla Roma imperiale, si pensa ai monumenti più noti e più imponenti del centro storico: Colosseo, Pantheon, terme di Caracalla. Ma moltissimi monumenti sono custoditi nelle aree oggi periferiche di Roma, monumenti in grado di stupirci ancora oggi per la mole e la grandiosità. Il mausoleo di Elena è sicuramente uno di questi.

Nel 329 d.C. muore Elena, madre dell’imperatore Costantino, legata, secondo la tradizione, al ritrovamento della Vera Croce in Palestina. 

Costantino fa costruire, tra 315 e 325 d.C., il mausoleo dinastico a lei destinato al III miglio della via Labicana. L’enorme monumento circolare, costruito inglobando frammenti di anfore per alleggerire le murature, svetta oggi imponente sulla via Casilina: è a questa struttura, soprannominata nel Medioevo la “torre delle pignatte”, che il quartiere di Torpignattara deve il suo nome.  È proprio da qui che proviene il bellissimo sarcofago di Sant’Elena in porfido, custodito ai Musei Vaticani.

Il Mausoleo era collegato ad una grande basilica circiforme, una delle 7 costruite da Costantino, con funzione funeraria, e dedicata ai Santi martiri Marcellino e Pietro.

Dalla basilica si accedeva anche alle catacombe sotterranee, scavate tra III e IV secolo, che costituiscono un complesso di eccezionale importanza: terze per estensione a Roma (18.000 ettari per 16 metri di profondità), sono sicuramente tra le più belle, per la ricchezza di affreschi e decorazioni.

Dopo un’opera di restauro degli ambienti finanziata dalla Heydar Aliyev Foundation, in cui si utilizza la tecnica laser, le catacombe sono visibili in tutto il loro splendore, testimonianza eccezionale degli esordi dell’arte cristiana.

 

 

 

 

Ingresso dell'area, Via Casilina 641

Per questa visita il luogo dell'appuntamento è raggiungibile alle coordinate GPS presenti nel link in basso; è consigliabile presentarsi 15 minuti prima dell'inizio della visita per espletare tutte le formalità del caso

Naviga verso il louogo dell'appuntamento